Robert Barclay, An Apology for the True Christian Divinity 1678

An Apology for the True Christian Divinity by Robert Barclay first published in 1678
THE FIFTEENTH PROPOSITION Concerning Salutations and Recreations, &c.

§XlII. Sixthly, The last thing to be considered is revenge and war, an evil as opposite and contrary to the Spirit and doctrine of Christ as Light to darkness. For as is manifest by what is said, through contempt of Christ’s law the whole world is filled with various oaths, cursings, blasphemous profanations, and horrid perjuries; so likewise through contempt of the same law the world is filled with violence, oppression, murders, ravishing of women and virgins, spoilings, depredations, burnings, vastations, and all manner of lasciviousness and cruelty; so that it is strange that men made after the Image of God should have so much degenerated that they rather bear the image and nature of roaring lions, tearing tigers, devouring wolves, and raging boars than of rational creatures endued with reason: and is it not yet much more admirable that this horrid monster should find place and be fomented among those men that profess themselves disciples of our peaceable Lord & Master, Jesus Christ, who by excellency is called the Prince of Peace and hath expressly prohibited his children all violence, and on the contrary commanded them that according to his example they should follow patience, charity, forbearance, and other virtues worthy of a Christian.

Annunci
Published in: on 18 settembre 2010 at 09:24  Lascia un commento  

George Keith, Contro la tratta dei neri (1693)

Seing our Lord Jesus Christ hath tasted Death for every Man, and given himself a Ransom for all, to be testified in due time, and that his Gospel of Peace, Liberty and Redemption from Sin, Bondage and all Oppression, is freely to be preached unto all, without Exception, and that Negroes, Blacks, and Taunies are a real part of Mankind, for whom Christ hath shed his precious Blood, and are capable of Salvation, as well as White Men; and Christ the Light of the World hath (in measure) enlightened them, and every Man that cometh into the World; and that all such who are sincere Christians and true Believers in Christ Jesus, and Followers of him, bear his Image, and are made conformable unto him in Love, Mercy, Goodness and Compassion, who came not to destroy men’s Lives, but to save them, nor to bring any part of Mankind into outward Bondage, Slavery or Misery, nor yet to detain them, or hold them therein, but to ease and deliver the Oppressed and Distressed, and bring into Liberty both inward and outward.
Therefore we judge it necessary that all faithful Friends should discover themselves to be true Christians by having the Fruits of the Spirit of Christ, which are Love, Mercy, Goodness, and Compassion towards all in Misery, and that suffer Oppression and severe Usage, so far as in them is possible to ease and relieve them, and set them free of their hard Bondage, whereby it may be hoped, that many of them will be gained by their beholding these good Works of sincere Christians, and prepared thereby, through the Preaching the Gospel of Christ, to imbrace the true Faith of Christ. And for this cause it is, as we judge, that in some places in Europe Negroes cannot be bought and sold for Money, or detained to be Slaves, because it suits not with the Mercy, Love & Clemency that is essential to Christianity, nor to the Doctrine of Christ, nor to the Liberty the Gospel calleth all men unto, to whom it is preached. And to buy Souls and Bodies of men for Money, to enslave them and their Posterity to the end of the World, we judge is a great hinderance to the spreading of the Gospel, and is occasion of much War, Violence, Cruelty and Oppression, and Theft & Robery of the highest Nature; for commonly the Negroes that are sold to white Men, are either stollen away or robbed from their kindred, and to buy such is the way to continue these evil Practices of Man-stealing, and transgresseth that Golden Rule and Law, To do to others what we would have others do to us.
Therefore, in true Christian Love, we earnestly recommend it to all our Friends and Brethren, Not to buy any Negroes, unless it were on purpose to set them free, and that such who have bought any, and have them at present, after some reasonable time of moderate Service they have had of them, or may have of them, that may reasonably answer to the Charge of what they have laid out, especially in keeping Negroes Children born in their House, or taken into their House, when under Age, that after a reasonable time of service to answer that Charge, they may set them at Liberty, and during the time they have them, to teach them to read, and give them a Christian Education.

“Given forth by our monethly meeting in Philadelphia, the 13th day of the 8th moneth, 1693.”

Published in: on 29 maggio 2010 at 18:23  Lascia un commento  
Tags:

Steuco, De perenni philosophia

…ab omnibus philosophis essere creditum, et assertum, datos nobis animos a Deo, ex eius Divinitate decerptos, habere nos cum eo similitudinem, unde fieri ut immortales simus…

Augustinus Steuchus, De perenni philosophia, with a new introd. by Charles B. Schmitt. – New York ; London : Johnson reprint corp., 1972(Rist. anast. dell’ed.: Lugduni : S. Gryphius, 1540), , 490 (tutto il libro IX, De creatione hominis, è rilevante)

Published in: on 29 maggio 2010 at 06:24  Lascia un commento  
Tags:

Marsilio Ficino, Somiglianza a Dio nella procreazione

“Perciò se volete essere uomini e legittimi figli di Dio, accrescete legittimamente gli uomini e, a Dio somigliando, così cone Dio, figlioli a voi simili create, nutrite, reggete e governate.
Cit. da Eugenio Garin, L’umanesimo italiano, Laterza, Bari 1970,51 Vedi anche p. 73 s su Manetti

Published in: on 18 maggio 2010 at 13:20  Lascia un commento  
Tags: ,

SPINOZA (da elaborare)

Nel Trattato teologico-politico, Spinoza, accusato di negare che la Bibbia sia una lettera di Dio agli uomini, si difende ricorrendo efficacemente alla Bibbia stessa, e indicando nella mente umana l’imago Dei.

«Nam tam ipsa ratio, quam Prophetarum & Apostolorum & sapientiae aperte clamant Dei aeternum verbum & pactum, veramque religionem hominum cordibus, hoc est, humanae menti divinitus inscriptam esse, eamque verum esse Dei syngraphum, quod ipse sigillo, nempe sui idea, tanquam immagine suae divinitatis consignavit»: (Tractatus teologico-politicus, ed. C. Gehhard, Heidelberg s.d., XII, all’inizio).
«…sia la stessa ragione sia l’insegnamento degli apostoli testimoniano apertamente che la parola eterna di Dio, il suo patto e la vera religione sono scritti a caratteri divini nel cuore degli uomini, ossia nella mente umana, e che in essi consiste la carta di Dio, alla quale egli appose il suo sigillo, e cioè l’idea di sé, come immagine della sua divinità»(tr. it. A. Droetto e E. Giancotti Boscherini, Trattato-teologico politico, Torino, Einaudi, 1972, 320).

Published in: on 20 gennaio 2010 at 17:15  Lascia un commento  

JOHN LOCKE

Il Primo trattato sul governo di John Locke, pubblicato nel 1690, è dedicato proprio alla lettura di Genesi 1,28, che secondo il suo avversario, Robert Filmer, andava letto nel senso che «Adamo fu monarca del mondo intero», e il capostipite di ogni sovranità. Locke risponde con una lettura di Genesi 1 come fondamento di un’eguaglianza che trova anche supporto nella proprietà privata. È una critica, in direzione «liberale», della concezione del monarca come unico sovrano e proprietario, erede del diritto patriarcale di Adamo:

«§24. In opposition, therefore, to our author’s doctrine, that “Adam was monarch of the whole world,” founded on this place, I shall show 1. That by this grant, Gen. i. 28, God gave no immediate power to Adam over men, over his children, over those of his own species; and so he was not made ruler, or monarch, by this charter. 2. That by this grant God gave him not private dominion over the inferior creatures, but right in common with all mankind; so neither was he monarch upon the account of the property here given him»
«Con quella concessione (Gen. 1,28) Dio non conferì a Adamo alcun potere immediato sugli uomini, sui suoi figli o su quelli della sua specie, e quindi non si può dire che egli fu fatto monarca o governante con quel privilegio. Con quella concessione Dio non gli conferì un dominio privato sulle creature inferiori, ma un diritto in comune con tutto il genere umano e quindi nemmeno si può dire che egli fu monarca in base alla proprietà che qui gli sarebbe stata conferita» (trad. it. John Locke, Primo trattato, IV, in: Due trattati sul governo a cura di L. Pareyson, Torino, UTET, 1948, 85s. )

Il contesto dei Due trattati sul governo mette in luce, accanto al compito di trasformazione della natura attraverso il lavoro, la responsabilità sociale di chi amministra i beni della natura (cfr. R. Ruston, Human Rights and the Image of God, London, SCM Press, 2004) non si tratta di una gretta difesa della proprietà borghese, il punto di partenza è anzi la proprietà comune. Scrive nel Secondo trattato, in un passo che interessa per il riferimento all’immagine divina nell’uomo:

«§ 25. Whether we consider natural reason, which tells us, that men, being once born, have a right to their preservation, and consequently to meat and drink, and such other things as nature affords for their subsistence: or revelation, which gives us an account of those grants God made of the world to Adam, and to Noah, and his sons, it is very clear, that God, as king David says, Psal. cxv. 16. has given the earth to the children of men»
«Sia che consideriamo la ragione naturale, che ci dice che gli uomini, una volta nati, hanno diritto alla loro conservazione, e per conseguenza a mangiare e a bere, e alle altre cose che la natura offre per il loro sostentamento, sia che consideriamo la rivelazione, che ci dà notizia di concessioni che nel mondo Dio fece a Adamo e a Noè e ai suoi figli, risulta chiarissimo che Dio, come dice il re Davide (Salmo 115,16), “ha dato la terra ai figli degni uomini”» ( trad. it. John Locke, Secondo trattato, V, in: Due trattati sul governo…, 254).
Di questo testo è molto interessante anche l’atteggiamento ermeneutico dinanzi alla Scrittura. È stato segnalato uno spostamento di Locke, nel Secondo trattato, in senso razionalistico della nozione di legge naturale, ma a me sembra che l’argomentazione di Locke spazi liberamente tra un piano filosofico a un piano biblico-esegetico. Locke non abbandona la fonte scritturistica, ma la utilizza anche nel discorso filosofico come una specie di fonte per la conoscenza della condizione di natura. Così nella Lettera sulla tolleranza, «…Questo ingiunge l’Evangelo, a questo la ragione indirizza, e questo richiede la naturale comunanza [«fellowship»], in cui siamo nati». ( «This the Gospel enjoins, this reason directs, and this that natural fellowship we are born into requires of us».) Notazione, questa, che vale per molti altri degli autori considerati nel corso della mia esposizione. Il dato biblico: la creazione dell’uomo ad immagine di Dio e il dominio sulle creature, è sempre presente a reggere il ragionamento, sia questo di indole teologica che filosofica, e anzi i confini tra le due discipline appaiono più labili di quanto le categorizzazioni correnti vorrebbero.

Published in: on 20 gennaio 2010 at 16:54  Lascia un commento  
Tags:

MISTICI SPAGNOLI (da elaborare)

Juan de Avila, Sermones. Dom. 22 después de Pentecostés: «Dice la santísima Trinidad: “Hagamos el ombre a imagen y semejanza nuestra”. ¿En que? En la mente, en la intelligencia y en la volundad» (Obras completas del santo maestro Juan de Avila, a cura di L. Sala Balust e F. Martin Hernández, II, Madrid, BAC, 1970, 364).

Teresa de Jesus, Castillo interior: moradas. I, 1: «…basta decir su Majestad que es hecha a su imagen para que apenas podamos entender la gran dignidad y hermosura del ánima» (Obras completas, a cura di M. Herráiz, Salamanca, ed. Sigueme, 1997, 588).

Ignazio di Loyola, Esercizi spirituali di , n. 235: «…mirar cómo Dios abita en las criaturas: en los elementos como ser, en las plantas vegetando, en los animales pensando, en los hombres dando entender; y así en mí dándome ser, animando, pensando y haciéndome entender; asimismo haciendo templo de mí, sedendo criado a la similtud y imagen de su divina Majestad» (Ejercicios Espirituales, a cura di C. De Dalmases, Santander, ed. Sal Terrae, 1987, 135).

Published in: on 20 gennaio 2010 at 16:35  Lascia un commento  

MARGARET FELL, SARAH GRIMKE

«Quando Dio creò l’Uomo a suo propria Immagine, all’Immagine di Dio lo creò, Maschio e Femmina; e Dio li benedisse, e Dio disse loro “Siate fecondi e moltiplicatevi: e Dio disse io vi ho dato di ogni Erba ecc.” (Gen 1). Qui Dio li congiunge nella sua stessa Immagine, e non fa Distinzioni e Differenze come fanno gli Uomini; perché sebbene essi siano deboli, Egli è forte».

«When God created Man in his own Image, in the Image of God created he them, Male and Female; and God blessed them, and God said unto them, Be fruitful and multiply: And God said, Behold, I have given you of every Herb, &c. Gen. 1. Here God joyns them together in his own Image, and makes no such Distinctions and Differences as Men do; for though they be weak, he is strong» Margaret Fell, Women’s Speaking Justified, Proved, and Allowed of by the Scriptures, All such as speak by the Spirit and Power of the Lord Jesus. And how Women were the first that Preached the Tidings of the Resurrection of Jesus, and were sent by Christ’s own Command, before he Ascended to the Father, John 20.17(si può leggere nel sito www.quaker.org).

Così Margaret Fell intorno al 1666 o 1667, nel suo scritto Women’s Speaking Justified. Di questo scritto, letteralmente, si sarebbero ricordate quasi due secoli dopo le donne quacchere che, provenendo dai movimenti antischiavisti, sarebbero state le protagoniste della «Dichiarazione dei sentimenti» di Seneca Falls (1848): un’impressionante, straordinaria affermazione dei diritti delle donne. (cfr. Il sentimento delle libertà. La Dichiarazione di Seneca Falls e il dibattito delle donne negli Stati Uniti di metà Ottocento, a cura di R. Baritono, Torino, La Rosa Editrice, 2001).

Sarah Moore Grimké avrebbe infatti scritto nel 1838:

«In tutta questa descrizione sublime della creazione dell’uomo (che è un termine generico includendo uomo e donna), non si parla minimamente di una differenza esistente fra di loro. Entrambi erano fatti nell’immagine di Dio; a entrambi fu dato il dominio su ogni altra creatura, ma non l’uno sull’altro. Creati in perfetta eguaglianza, ci si aspettava da loro l’esercizio della vicegerenza affidata dal loro Fattore, in armonia e amore».

«Created in perfect equality, they were expected to exercise the vicegerence intrusted to them by their Maker, in harmony and love» Sarah Grimké, Letters on the Equality of the Sexes Addressed to Mary S. Parker, President of the Boston Female Anti-Slavery Society, 1837, prima lettera: “The Original Equality of Woman” (disponibile in rete). Le Lettere sono state curate in versione italiana da Ingrid Heindorf, e contiamo di pubblicarle prossimamente.

Published in: on 20 gennaio 2010 at 16:15  Lascia un commento  
Tags:

GEORGE FOX

Per la minoranza radicale degli Amici (quaccheri), nel Seicento, il tema del ritorno al Paradiso, del recupero pieno dell’ «imago Dei» era stata estremamente importante: era possibile che la vita umana fosse sin d’ora restituita all’innocenza dell’origine.
Il Journal di Fox (1624-1691) raccontava di una visione che aveva rappresentato il culmine del suo periodo di iniziazione, alla fine degli anni Quaranta del Seicento, in cui egli compiva le sue esperienze fondamentali e definiva i contenuti della sua predicazione. Si noti che il recupero della condizione originaria significa recuperare un nuovo rapporto con la natura e con la società (la professione di medico) La figura di Salomone sta sullo sfondo, cfr. Sap. 7, 17. Si noti anche come il ritorno alla condizione originaria, la restituzione dell’immagine, avvenga attraverso il Messia e in questi si consolidi. La fonte è J.L. Nickalls (ed.), The Journal of George Fox. A revised Edition, Cambridge, Cambridge University Press, 1952, 17s.. Traduzione da P.C. Bori, La visione del Paradiso nel Journal di George Fox, Annali di storia dell’esegesi, 10/1 (1993) 45-59 e P.C. Bori e M. Lollini (a cura di), La società degli amici. Il pensiero dei quaccheri, Milano, Linea d’ombra, 1993.

«Now was I come up in spirit through the flaming sword into the paradise of God. All things were new, and all the creation gave another smell unto me than before, beyond what words can utter. I knew nothing but pureness, and innocency, and righteousness, being renewed up into the image of God by Christ Jesus, so that I say I was come up to the state of Adam which he was in before he fell. The creation was opened to me, and it was showed me how all things had their names according to their nature and virtue. And I was in a stand of mind whether I should practise physic for the good of mankind, seeing the nature and virtues of the creatures were so opened to me by the Lord. But I was immediately taken up in spirit, to see into another or more steadfast state than Adam’s innocency, even into a state in Christ Jesus, that should never fall. And the Lord showed me that such as were faithful to him in the power and light of Christ, should come up into that state in which Adam was before he fell, in which the admirable works of the creation, and the virtues thereof, may be known, through the openings of that divine Word of wisdom and power by which they were made. Great things did the Lord lead me into, and wonderful depths were opened unto me, beyond what can by words be declared; but as people come into subjection to the spirit of God, and grow up in the image and power of the Almighty, they may receive the Word of wisdom, that opens all things, and come to know the hidden unity in the Eternal Being.»

«Potevo dire a quel punto di essere asceso in spirito fino al paradiso di Dio, attraverso la spada fiammeggiante. Tutte le cose erano nuove e tutta la creazione mandava per me un profumo diverso da prima, inesprimibile. Non conoscevo altro che purezza, innocenza e giustizia, essendo stato rinnovato ad immagine di Dio da Gesù Cristo, così da poter dire d’essere asceso alla condizione in cui era Adamo prima della caduta. La creazione era manifesta ai miei occhi e mi fu mostrato come tutte le cose hanno i loro nomi attribuiti loro in base alla loro natura e virtù. Ed ero incerto se dedicarmi alla professione di medico a beneficio dell’umanità, vedendo che mi erano state così manifestate dal Signore la natura e la virtù delle creature. Ma subito fui rapito in spirito, perché conoscessi una condizione diversa e più stabile di quella di Adamo quando era innocente: quella di Gesù Cristo che non sarà mai soggetta a caduta. E il Signore mi mostrò che quelli che gli siano stati fedeli nella potenza e nella luce di Cristo dovranno ascendere a quella condizione in cui viveva Adamo prima della caduta, dove le opere mirabili della creazione e le loro virtù possono essere conosciute attraverso le manifestazioni di quella divina Parola di sapienza e potenza da cui furono create. A grandi cose il Signore mi introdusse, e meravigliose profondità mi furono manifestate, di là da quanto si possa esprimere a parole; ma appena ci si sottomette allo spirito di Dio, e si cresce nell’immagine e nella potenza dell’Onnipotente, si può ricevere la Parola di sapienza, che tutto manifesta, e si può riconoscere la segreta unità dell’Essere Eterno».

Il classico studio di W.C. Braithwaite, The Beginnings of Quakerism, 2 ed., Cambridge 1955 (1a ed. 1912), 38-41, rileva l’importanza della visione paradisiaca, rinviando a R. Jones, Studies in Mystical Religion, 1909. Dobbiamo a Rufus Jones, studioso quacchero di tendenza liberale, nel suo libro Spiritual Reformers in the 16th and 17th Centuries (1914) l’indicazione più precisa e convincente della fonte di Fox: un’autore che Fox non cita mai – non era suo costume – ma che circolava tradotto in Inghilterra precisamente all’epoca delle sue prime esperienze: il mistico Jacob Boehme. Questi aveva avuto,nel 1600, una esperienza analoga. Nell’introduzione del traduttore John Sparrow alle Quaranta questioni, del 1647, si poteva leggere: “Andava nei campi e ivi percepiva le meravigliose opere del creatore nelle segnature, nelle forme, nelle figure e nelle qualità o proprietà (“in signatures, shapes, figures and qualities or properties”) di tutte le cose create manifestate molto chiaramente e semplicemente”. Se poi si vogliono prendere in considerazione scritti un poco successivi alla data della visione di Fox (ma si ricordi che il diario è scritto a grande distanza di tempo), si può confrontare, sempre seguendo R. Jones, la vita di Boehme scritta da Justice Hotham (1653). John Ellistone, inoltre, nel 1649, nell’introduzione alla traduzione delle Epistole di Boehme, presenta un testo ancora più vicino: la conoscenza attinta per la luce divina porta a conoscere le differenti segrete qualità e virtù (“qualities and vertues”) quali sono “nascoste in tutte le cose visibili e corporee, come metalli, minerali, piante ed erbe, le quali potranno essere applicate al loro uso naturale per curare e guarire la natura corrotta e decaduta(“applied to their naturall use for the curing and healing of corrupt and decayed nature”). Anche per il passaggio attraverso la spada di fuoco, e per il “profumo” del paradiso si possono indicare corrispondenze boehmiane. Così anche il riferimento alla Sapienza, alla Sofìa, che manifesta l’unità del creato con Dio, tipico e costantissimo tema di Boehme. È dunque sulla linea mistica, all’interno del protestantesimo stesso, che poteva dunque attenuarsi il pessimismo antropologico della Riforma, non in forza del recupero filosofico della legge naturale antica, ma in forza della fede nella restaurazione escatologica già in atto della condizione creaturale primitiva.

Published in: on 20 gennaio 2010 at 15:54  Lascia un commento  
Tags:

LUTERO E ALTRI RIFORMATORI

Lutero conosce la speculazione di Agostino, conosce quel che si chiama l’analogia psicologica della Trinità e ha naturalmente l’idea dell’uomo microcosmo (« Omnia enim similia sunt in homine quae in mundo»: Weimarer Ausgabe, abbr.WA, vol. IV, 599, sermoni tra 1514 e il 1520), ma abbandona presto queste elucubrazioni «recenti» che considera inutili e pericolose. Occorre invece, ritiene Lutero, tornare al paradigma narrativo biblico e messianico, in cui la condizione di Adamo, e la perdita dell’«imago Dei», può essere compresa solo «e contrario» attraverso il Messia, il secondo Adamo (1 Cor. 15,48s.; Ef. 4,23; Col. 3,10, e la stessa linea si trova in altri riformatori): «I dottori nuovi e recenti, soprattutto Agostino, vollero indagare a fondo in che modo l’uomo sia immagine di Dio. Così avrebbero rispettivamente: la memoria il Padre, l’intelletto il Figlio, la volontà lo Spirito Santo, arrivando poi a questioni ancor più difficili di quelle di oggi. Ma noi li congederemo, e invece ne parleremo come Paolo ai Corinzi 15: “Come quello terreno”, “come portammo l’immagine”. E agli Efesini: “Spogliatevi dell’uomo vecchio”, “che è stato creato”. Queste parole finora sono state oscure. Paolo pone due immagini, terrena e celeste» (WA, vol. XIV, 110, nel sermone su Genesi, 1523-1524, : «Doctores novi et recentes, praesertim Augustinus, voluerunt ergrunden, quomodo homo sit imago dei. Ita scilicet, quod tres habeat trefft: gedechtnis patri, verstentnis filio, willen spiritui sancto, et postea in quaestiones difficiliores venerunt, quas nec hodie. Illas nos missifaciemus. Sed loquemur de hac sicut Paulus ad Cor. 15: “Qualis terrenus”, “sicut portavimus imaginem”. Et ad Ephe. “Exuite veterem hominem”, “qui creatus est”. Haec verba hucusque oscura fuerunt. Paulus duas imagines ponit, terrenam et celestem»). Altrove Lutero è più cauto, ma l’atteggiamento è lo stesso: non condannare queste speculazioni, ma considerarle inutili, e anzi potenzialmente pericolose, perché l’esaltazione dell’uomo-«imago Dei» potrebbe portare a pensare che esista il libero arbitrio (WA, vol. XXXXII, 45, nelle lezioni sul primo Libro di Mosè, Cap. 1, 26, circa 1535-1545: «Quare etsi istam diligentiam et cogitationes has non damno nec reprobo, quibus omnia rediguntur ad Trinitatem, tamen haud scio, an sint valde utiles, praesertim cum ea postea longius ducantur»).
E arriviamo alle tesi De homine, del 1536, molto severe e, affascinanti soprattutto se paragonate all’altrettanto affascinante Discorso di Pico. Certo la teologia (molto più della filosofia!) riconosce una «maiestas» dell’uomo che con la sua ragione è costituito quasi come «sol et numen» sopra la creazione. Questa maestà è confermata anche dopo la caduta di Adamo: la ragione rimane, ma «sub potestate diaboli», per cui «coloro che dicono che le cose naturali siano rimaste integre dopo il peccato, filosofano empiamente contro la teologia». Solo nella vita futura si potrà recuperare pienamente l’«imago Dei». Così scrive Lutero, con una grandiosa rilettura della prima pagina del Genesi: questa vita è «pura materia» in vista della vita «nella sua forma futura»; questo mondo non merita d’essere chiamato tale, è solo uno «schema» del mondo futuro.

«…6. Ut hinc merito ipsa vocari debeat differentia essentialis, qua constituatur homo, differire ab animalibus et rebus aliis. 7. Quam et scriptura sancta constituit talem dominam super terram volucres, pisces, pecora, dicens: Dominamini. 8. Hoc est, ut sit Sol et Numen quoddam ad has res administrandas in hac vita positum. 9. Nec eam Maiestatem Deus post lapsus Adae ademit rationi, sed potius confirmavit. 10. Tamen talem sese Maiestatem esse, nec ea ipsa ratio novit priore, sed tantum a posteriore. 11. Ideo si comparetur Philosophia seu ratio ipsa ad Theologiam apparebit nos de homine paene nihil scire. […] 20. Theologia vero de plenitudine sapientiae suae Hominem totum et perfectum definit. 21. Scilicet, quod homo est creatura Dei, carne et anima spirante constans, ab initio ad imaginem Dei facta, sine peccato, ut generaret et rebus dominaretur, nec unquam moreretur 22. Post lapsum vero Adae subiecta potestati diaboli, peccato et morti, utroque malo suis viribus insuperabili et aeterno. 23. Nec nisi per filium Dei Iesum Christum liberanda (si credat in eum) et vitae aeternitate donanda. 24. Quibus stantibus pulcherrima illa et excellentissima res rerum, quanta est ratio post peccatum, relicta sub potestate diaboli, tamen esse concluditur. 25. Ut homo totus et omnis, sive sit rex, dominus, servus, sapiens, iustus, et quibus potest huius vitae bonis excellere, tamen sit et maneat peccati et mortis reus, sub diabolo oppressus. 26. Quare ii, qui dicunt naturalia post lapsum remansisse integra, impie philosophantur contra Theologiam. 27. Similiter qui dicunt, hominem faciendo, quod in se est, posse mereri gratiam Dei et vitam. 28. Item, qui Aristotelem (nihil de Teologico homine scientem) inducunt, quod ratio deprecetur ad optima. […] 38. Talis est homo in hac vita ad futuram formam suam, cum reformata et perfecta fuerit imago Dei. 39. Interea in peccatis est homo, et in dies vel iustificatur vel polluitur magis. 40. Hinc Paulus ista rationis regna nec Mundum dignatur appellare, sed schema mundi potius vocat» (WA, vol. XXXIII/1, 169s., Disputatio Reverendi viri Domini D. Martini Lutheri de homine. Cf. anche la disputa su Romani 3,28. della stessa epoca: «…satis certum est, fidelibus, nec animales, nec rationales vires relicta esse integras», ib. 85).

Posizioni analoghe si riscontrano in Calvino: Agostino «spécule par trop subtilement pour forger la Trinité en l’homme, car en prenant les trois facultés qu’ARISTOTE récite de l’homme: entendement, mémoire et volonté, il déduit après plusieurs trinités d’une seule. Si quelque lecteur ayant loisir se veut ébattre à de telles spéculations, qu’il lise le dixième et le quatordizième livre de La Trinité, et pareillement le onzième livre de La Cité de Dieu. Je confesse bien qu’il y a quelque chose en l’homme qui ressemble au Père, au Fils et au Saint-Esprit; et même je ne veux point rejeter cette distinction des facultés de l’homme, bien que la partition des deux membres, qui est plus brève et plus usitée en l’Écriture, soit plus propre pour avoir ferme et saine doctrine. Mais la définition de l’image de Dieu doit avoir plus de fermeté qu’il n’y a en de telles subtilités»: Jean Calvin, Commentaires de Jean Calvin sur l’Ancien Testament, vol. I, Le Livre de le Genèse, Genève, Labor et Fides, 1961, 35-36.
Anche Melantone, commentando il Genesi, ricorre al paradigma cristologico: «Quid sit imago ex quarto Ephesiorum intelligi potest, cum inquit: Induite novum hominem, qui secundum Deum creatus est, in iusticia et sanctitate veritatis. Et ad Colossenses tertio: Renovatur in agnitione Dei secundum imaginem eius qui creavit eum. Et 2. Corinth. 3.: Nos autem revelata facie gloriam Domini speculantes in eandem imaginem transformamur. Est ergo imago Dei, natura perfusa sapientia et iusticia, lumine et gloria Dei. Et hinc intelligis, qui fuerit status primae conditionis, et qua gloria exciderimus, nunc caro nihil nisi carnalia intelligit aut quaerit etc. Et quia talis fuit homo, ideo praefectus fuit omnibus creaturis. Ita vides priorem sententiam cum hac convenere, et de hoc imperio Psalmus loquitur: Omnia subiecisti sub pedibus eius. Nam quod in Adam amisimus, per Christum recuperatum est»: Philippi Melancthonis Opera Quae Supersunt Omnia, a cura di C.G. Bretschneider, Halis Saxonum, 1846, vol. XIII, 771.